Le poesie
E oramai quasi certo che Beatrice Piacentini Rinaldi non ebbe il merito di essere stata la prima a scrivere in dialetto sambenedettese. Sembra infatti che molti anni prima di lei un tal Raffaele Palestini intorno agli anni 20/30 del XIX secolo, scrisse in versi la prima canzone popolare sambenedettese dal titolo Patre Pizze e DunnAnd, in riferimento ad una polemica sorta tra Gioacchino Pizzi (protoparroco della Chiesa di S. Maria della Marina) e Don Antonio Pajelli sulla costituzione di una chiesa colleggiata o sulla costruzione della nuova Chiesa della Marina. Sappiamo poi dalla storia che ebbe la meglio Padre Pizzi.Comunque il merito che va riconosciuto alla Piacentini quello di essere riuscita in maniera sistematica a pubblicare le testimonianze delle tristi scene di famiglia e della strada dei sambenedettesi. La maestrina del Paese Alto, la nobile sudentrina, raccolse dalla viva voce e a preferenza da labbra femminili le pi schiette manifestazioni dellanimo popolare riuscendo ad essere interprete di quel borgo marinaro di inzio secolo. Contemporanei e dopo di lei tanti altri figli sambenedettesi misero in versi il loro amore per la propria terra dorigine: Giovanni Vespasiani, Ernesto Spina, Francesco Palestini e tanti altri sino ai giorni nostri.
Bice Piacentini in un dipinto del marito Carlo

Poesie in vernacolo sambenedettese   -  testI ed audio MP3

 

SAMMENEDETTE

 

Lu mnne 'ntire p pure ggr
        lu mnne 'ntire comma sta piantate,
        e quanne scillu tutte reggerate,
        rev jcche e tte sinte ricra.

 

Quiste j nu pase 'ffatturate;
         se lu sci viste 'n te lu p scurd
         e lu frastre che cca capetate
         ce rev, preste u tarde, 'n ce penz! 

 

J'atre pajce ce p pure d!
         Appitt'a nnuje, ccuse 'nn'arvente
         jcche ji murte ji fa rebbev!

 

Sammenedtte, care bbille m,
           lu mare, tune j lu ppi lucnte,
           lu cle tne j lu ppiu ttrecch!

 

Beatrice Piacentini - Rinaldi

 

BBUNAZZE DE SETTEMBRE

Cmme fusce palmme 'nnammurate,
        arev 'ddj ddj le lanctte;
        vghe cuntnte p Sammenedtte
        ch la reporte bbne le pescate.

Sull're de lu mare, che le sptte,
        'na muccia de perz' sta sfelarate:
        ce sta' frech, fmmene maretate
        vicchie che 'n v ppi 'n mare, jeventte...

E lu mare se smve appiane appiane;
        tu p cunt le zcche della rne
        e tte ce p specchi' p cquant'j chiare.

Rev' le mje de ji marenare,
        'nche la muccigna p' amman la cne
        e ji frech 'ttaccat'a le settne.

Beatrice Piacentini - Rinaldi

 
     
CAL LU SLE...

Cal' lu sole arrte a le culline
        svejnne su lu mare ugne culre
        'nche j ll'teme ragge: 'n'aria fine
        resmev l'acque e 'ntenner lu cre.
Stave le donne ritte p mmarine,
        par de pietre, e reguard ll fre
    'na vele e 'na lancette. Ma vecine
        zerl j frech, chiam, fac rremre.
Gir la gente, j zautte curr
        'mbicciate, voce forte, voce fiacche,
        'nu vicchie zitta zitte sfemech.
Arrev le lancette, pare a pare,
        lente abbrivenne, comma fusce stracche,
        e le vel arremb tutte lu mare.

Francesco Palestini (1919-1986)

 

LU MARENARE

Lu nustr'j 'nu mestre tradetre
        'n'tre ppi 'nfame 'n ze po' trev!
        Ma chi ce ha nate 'sogne che cce mre.
        Stnte, patisce e nne lu po' lass'!
Lu mare j bberb, j 'ngannatre,
        'ngrde, de tante 'n tante v' magn'.
        Ma quanne je va bbne te d l're!
        Che je v d? 'Sogna lassallu f.
Tu scillu mmaleditte, 'njurate
        quanne se 'ncagne e che te fa 'mmatt'!
        V' la bbunazze e te ne sc scurdate.
Cmme fusce 'na donna trista e bblle
        che te turmnte, che te fa suffr'
        epp te 'ncante 'nche 'na resatlle

Beatrice Piacentini - Rinaldi

 
         
  VANNE, LANCETTA MI'!

'N frnte je se legg le bunt rare.
Bbje e lucente jere j'ucchiess.
Sfid, 'mpettte, l'acque de lu mare,
p lu curagge nn'u pass nesci!
        Vanne, lancetta m, va' pe' nen fre.
        Repurtelu nghe tte 'llu fje d'ore!...


Ma' , vaje a mmare... Jsse me decette.
Tutt'avvelte prime de part...
Su 'n frnte dppie vte me vascette.
Puvere Fje bbille care m'!!


        Vanne, lancetta m, va' pe' nen fre.
        Repurtelu nghe tte 'llu fje d'ore!...
Nne lu s viste pi!... Ah Fje sante!...
Quale destine 'nfame era lu tu!
Pe' mamma tu' n'ce sta ch'aterne piante.
Lu piante amare che n'z'asciucche piu'!...


        Vanne, lancetta m, va' pe' nen fre.
        Repurtelu nghe tte 'llu fje d'ore!...

Giovanni Vespasiani (1886-1967)

  LU MARE NUSTRE

Lu mare nustre guard quant' bbille
        llu bbune quanne fa nu quartarjlle;
        te 'ncante e ppu te da la ccalamite,
        che se st fore, jecche te rimmite.
J nne lu sacce d perch mme sente
        na pascij, na smanie preputente
        da cammen 'mmecc j la marjne
        e ce star la sere e la matine.
La terre v a vasci, 'lle bettecelle,
        e senza fa rremore, belle, belle,
        e tu le st a 'uard, capace, n'ore
        nen te ne p j v...nene vo lu core.
Sopre chell'acqua,  che pare nu mante
        de culore cileste, ugne tante
        se vede a rimen 'na lancettucce,
        che ne v, nda fusce nu gallcce...
Chi dice che lu bbelle de lu monne
        j lu magn, lu bbeve...e ppu le donne,
        j chije che lu core nne lu port
        e che nen sa  l'amore quant' forte.
Sempre ccusc sarr 'stu sentemente
        e nne lu cagne manche nu mumente,
        perch lu mare che mm' viste nasce,
        murte, mm' , dentrea la casce!!!

Ernesto Spina (1878-1959)

 

   

Home Page